Alessandro Robecchi, il sito ufficiale: testi, rubriche, giornali, radio, televisione, progetti editoriali e altro
 
Mar
16
Set 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Eterologa: il volantino delle offerte speciali

Il consiglio per le coppie in attesa di ricorrere alla fecondazione eterologa è lo stesso che si dà alle coppie che comprano una carrozzina, un fasciatoio, un seggiolino per la macchina: non fermatevi al primo negozio, magari quello sottocasa. Confrontate i prezzi. In Emilia ve la regalano (ma pagate le analisi), in Lombardia costa 3.000 euro, in Lazio 1.800. Il Veneto fa i saldi: due o trecento euro, in Toscana costa 500. In Campania potrebbero bastare quattro caciocavalli al primario, Val d’Aosta non pervenuta, ma si valuta il cesto di funghi porcini.  Altre tariffe sono allo studio: offerta libera, tre abbonamenti al quotidiano locale, baratto, lavori socialmente utili per il padre mentre la madre è in ospedale, buoni benzina per l’équipe medica. Oppure, per rispettare le tradizioni, dite all’accettazione che poi passa il nonno a pagare. E’ il caro vecchio welfare italiano che funziona sempre. O almeno, a esaurimento nonni.
pagina99

Lun
15
Set 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Fascisti: l’Europa lava più bianco

Con tutti i guai che ha, che sono parecchi, la vecchia Europa si sta facendo una certa fama come lavanderia di fascisti. Marine Le Pen, a differenza di papà, ha imparato a parlare con toni civili e il Front National è cresciuto a dismisura. L’Ukip britannico, per quanto pittoresco e altalenante, ha fatto il pieno anche lui. E ora ecco di “democratici” svedesi, che raddoppiano i loro consensi dopo un passaggio al lavasecco che li ha trasformati da burbanzosi camerati in borghesi spaventati. Populismo e xenofobia, arroccamento e nazionalismo, insofferenza al multiculturalismo e difesa della razza. C’è un po’ di tutto, e tutto brutto, e tutto in gran parte figlio della paura di classi medie e basse che temono l’impoverimento. Perché c’è qualcosa che è persino peggio che parlare alla pancia della gente. E’ parlare con parole infuocate alla pancia di gente che ha paura di non riuscire più a riempirla.
pagina99

Ven
12
Set 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Forza Italia, in arte Totò

Sfuggire ai creditori, sgusciare, eludere e traccheggiare. Cambiare voce quando suona il telefono, travestirsi quando passa l’esattore, fingersi malati o moribondi. E ritrovare Totò, cioè un bel pezzo di dna italico, nei tanti deputati e senatori di Forza Italia che scappano a gambe levate quando vedono la senatrice Maria Rosaria Rossi che li cerca per incassare il dovuto. Alla cassa comune manca qualche milioncino, il contributo di 800 euro al mese per sedere nella fila del partito che promise il “nuovo miracolo italiano” arriva a singhiozzo, o non arriva del tutto, senatori e deputati che difficilmente saranno riconfermati non hanno nessuna intenzione di sganciare. Certo, il paese, e pure Forza Italia, e pure Berlusconi, hanno ben altri problemi. Ma le nemesi storiche sono sempre divertenti: era il partito “unlimited budget”, il partito del principe. Ora è il partito dei principi, intesi come De Curtis. In arte Totò.
pagina99

Gio
11
Set 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Giustizia a orologeria (senza orologio)

Detto (e andrebbe scolpito nel marmo) che sono tutti innocenti fino a condanna definitiva e che i costi della politica sono una goccia nel mare rispetto a quanto ci costa il povero capitalismo italiano, sarebbe bello fare un po’ d’ordine, specie nel Pd, il partito che guida il governo. In Emilia si va a votare perché l’ex presidente della regione (indagato) si è dimesso. Due degli sfidanti alle primarie sono indagati: uno si ritira, l’altro no. In Toscana, il governatore (indagato) si ricandida. In Sardegna, la vincitrice delle primarie per le regionali fece un passo indietro perché indagata, su richiesta del partito, ma poi venne promossa sottosegretario. In Campania il sindaco di Salerno correrà alle primarie regionali anche se rinviato a giudizio. Come si vede, si fatica a trovare una linea. Ora c’è chi è tentato di rispolverare il vecchio classico berlusconiano della “giustizia a orologeria”. Ma come si vede, si fatica a trovare l’orologio.
pagina99