Alessandro Robecchi, il sito ufficiale: testi, rubriche, giornali, radio, televisione, progetti editoriali e altro
 
Gio
28
Ago 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Il mondo sparato dai ragazzini

Da una parte i bambini di dieci anni arruolati dall’Isis, il feroce califfato, armi in spalla, mimetiche e faccia truce. Dall’altra, la ragazzina americana di nove anni che i genitori hanno portato da Bullets and Burger perché “imparasse a difendersi” con una mitraglietta Uzi  e che, per la cronaca, ha fatto secco l’istruttore. Per carità, nessun paragone politico, storico, sociale. E però la simmetria rimane: bambini a cui gli adulti mettono in mano aggeggi per uccidere e ci costruiscono sopra –ultras islamici o tifosi della National Rifle Assiciation – una specie di ideologia esplosiva. Si dovessero incontrare, un giorno (speriamo di no), i piccoli soldati dell’Isis e la giovanissima Calamiti Jane del Nevada, una cosa è certa: parlerebbero in qualche modo la stessa lingua, o la farebbero parlare ai loro giocattoli mortali. Insomma, il mondo sparato dai ragazzini.

pagina99

Mer
27
Ago 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Calderoli e la macumba (tutto vero)

L’Europa sa tutto di noi, ed è un peccato. Per esempio sarebbe meglio non sapesse delle disavventure del vicepresidente del Senato Calderoli. Vittima recente di incidenti, malori, fratture e lutti familiari, l’esponente leghista spiega l’infelice periodo con una maledizione (lui che è colto dice "macumba") che gli avrebbe lanciato il padre dell’ex ministra Kyenge, da lui elegantemente chiamata "orango". Non è tutto. Alcuni deputati gli hanno regalato un cornetto scaccia-jella (giuro), il cornetto si è rotto senza motivo apparente e una maga (rigiuro) gli ha confermato che intorno a lui agiscono forze potenti. In ultimo, ha pure catturato e ucciso un serpente entrato nella cucina della sua casa di Mozzo (Bergamo). Ora, comunque la mettiate la domanda è semplice: è più folle Calderoli che crede alla macumba o che ci sia gente che continua a credere in Calderoli? Nel dubbio, massima solidarietà. Al serpente.
pagina99

Mer
27
Ago 14

Riecco la Woodstock ciellina dove si applaude la qualunque

Preceduta da solenni interviste in cui i boss ciellini si affannavano a dire che Cl è governativa, felice del governo attuale, bisognosa di coesione nazionale, fremente di entusiasmo per il lavoro dell’esecutivo, è finalmente in corso la piccola Woodstock annuale di Comunione e Liberazione. Con grande clamore si è sottolineato che per la prima volta dai tempi della chiacchierata di San Francesco con il lupo non sarà presente il presidente del Consiglio. Il quale peraltro è già andato a un’altra celebrazione dell’associazionismo cattolico (gli scout dell’Agesci) e quindi ha dato buca. Ci sono però una manciata di ministri e qualche ideuzzologo (Farinetti, per dire), e dunque si salvano capra e cavoli: da una parte i pasdaran renziani sottolineano il cambiaverso (Matteo non ci va), dall’altra si fa notare che il mood governativo non è in dubbio (ci va mezzo governo), e in mezzo sta la versione ufficiale un po’ patetica degli organizzatori, per cui quest’anno c’è meno politica per tornare ai valori eccetera eccetera, che va bene su tutto e non impegna.
Naturalmente non è di questo che si vuole parlare, non del caso specifico, insomma, ma dell’aspetto complessivo e globale della questione, probabilmente uno di quei fenomeni paranormali di cui la scienza fatica ad occuparsi, che potremmo chiamare Sindrome da Consenso Purchessia (Scp). Naturalmente non c’è nulla di vero nella faccenda dei microchip sottopelle di cui illo tempore favoleggiò qualche buontempone grillino, ma se ci fosse mai da fare un controllo, ecco, andrebbe fatto lì, al Meeting di Rimini. Perché la festante e devota platea si è trovata negli anni a spellarsi le mani per tutto e il contrario di tutto. Arrivava Andreotti, applausi. Arrivava Berlusconi, applausi. Si presentava Monti, applausi. Compariva Formigoni, ovazioni e novene d’ordinanza. Spuntava Enrico Letta, applausi. Ora che Renzi non ci va, gli applausi glieli fanno a distanza, nelle interviste, e comunque, siccome ci vanno i suoi ministri, …indovinate? Applausi.
Ora, fermo restando che è lecito, e a volte meritorio, cambiare idea, resta il fatto che cambiare idea ogni anno verso la fine di agosto sostenendo con scrosci di battimani chiunque sieda a Palazzo Chigi è un po’ sospetto. Se Monti era un vero cambiaverso rispetto a Berlusconi, per dire, com’è possibile osannare entrambi? E se Renzi è un vero cambiaverso rispetto a tutto quel che c’è stato prima, come vuole la vulgata corrente, com’è possibile osannare le sue politiche rispetto a quelle precedenti? La scienza non è in grado di spiegare il fenomeno, e comunque, trovandosi al cospetto di un evento soprannaturale, è giusto che si tenga alla larga. Chissà forse un giorno i nostri nipoti, dopo la vittoria dei venusiani e la loro incisiva azione riformista, vedranno i ciellini del XXIII secolo applaudire creature con sei orecchie. Mistero della fede, insomma, e non è che noi laici possiamo dire granché: è così e basta, con i dogmi non si fa a pugni e non si discute. Naturalmente c’è un’altra spiegazione, più banale, e cioè che nel loro profondo le politiche finora applaudite al Meeting di Rimini non siano poi così diverse, almeno nell’ottica ciellina. In fondo basta poco, basta andare lì, prendere un microfono, fare qualche complimento, lodare l’importanza della kermesse e assicurare che la scuola paritaria (in italiano: privata e cattolica) verrà sontuosamente finanziata. Un bel marameo alla Costituzione (dove c’è scritto: senza oneri per lo Stato) e il gioco è fatto. Applausi.

Mar
26
Ago 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Scuola: viva la riforma. Però

Mancano pochi giorni e poi sapremo quali clamorose sorprese ci riserverà l’annunciatissima, radicalissima, innovativissima (sorry) riforma della scuola. Dunque aspettiamo con ansia senza, pregiudizi e senza entusiasmi preventivi, con saggia neutralità. E però. Già. Però. Che i primi assaggi di quel che conterrà la riforma dell’istruzione in un paese laico vengano presentati dal ministro competente alla festa di Cl, davanti alla plaudente convention di un’associazione di stampo religioso, di più, una lobby di militanza religiosa, fa già un po’ impressione. Nel paese che vanta il più alto numero di talk show televisivi del pianeta, che ha decine di sale lussuose per le conferenze stampa, si toglie (parzialmente) il velo al monumento della riforma scolastica in un ambiente dove laicismo e laicità suonano come parolacce in chiesa. Bizzarro. O forse no. Aspettiamo, vediamo, valutiamo. Però.

pagina99