Alessandro Robecchi, il sito ufficiale: testi, rubriche, giornali, radio, televisione, progetti editoriali e altro
 
Mar
18
Nov 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Cinquestelle: ognuno è casta a qualcun altro

Poi si sa come vanno le cose. Che c’è sempre qualcuno che ti supera: più gente della gente, più popolo del popolo, eccetera eccetera. E così sentire Paola Taverna, senatrice Cinquestelle dire ai furibondi abitanti di Tor Sapienza – quasi implorare – “Io nun so’ ‘n politico!”, mette quasi tenerezza. Taverna è molto amareggiata anche dopo, nelle interviste. “Ma te rendi conto? M’hanno chiamato politica!”, dice la senatrice della Repubblica Italiana, e non si capacita dell’offesa sanguinosa che però è costretta a tenersi. Ora, chissà se il piccolo episodio indurrà un intero movimento a interrogarsi sull’antipolitica, la retorica della casta, l’inutilità delle intemperanze, l’omologazione all’odiata classe dirigente, non mi farei troppe illusioni. E’ probabile invece che assisteremo a una reazione più soft. Come quella di Totò che, scambiato per Pasquale, prendeva ceffoni su ceffoni e ne rideva: “Che me ne frega a me? Io mica so’ Pasquale!”
pagina99

Lun
17
Nov 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Lo Sblocca-Italia e l’editto australiano

L’editto australiano contro le Regioni rimbomba fin qui attutito soltanto dalla pioggia. E’ l’ultimo capitolo di una strategia renziana ormai conclamata e chiara a tutti: indicare un nemico diverso ogni giorno, trovare i responsabili di quel che non funziona fuori dalla sua stanza dei bottoni. Che siano i colpevoli di pessimismo, i famosi gufi, o i corpi intermedi, o la burocrazia, o gli enti locali ha importanza soltanto tattica: basta un colpevole da indicare. Ora tocca alle Regioni e alla loro (pessima, va detto) gestione del territorio. Che questo avvenga proprio nei giorni in cui la Gazzetta Ufficiale pubblica lo Sblocca-Italia, che consentirà ancor più di prima il flagello del territorio e faciliterà la sua inarrestabile cementificazione pare un dettaglio, ma non lo è. Nelle favole arriva il principe sul cavallo bianco e salva la ragazza dal drago. Qui arriva il principe sul cavallo bianco e dice al drago: “Dilettante, lascia fare”, poi costruisce per la ragazza una prigione più efficiente.
pagina99

Ven
14
Nov 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Le mutande degli altri

“Una vasta campagna tesa a delegittimare la differenza sessuale affermando un’idea di libertà che abilita a scegliere il proprio genere e il proprio orientamento sessuale”. Questo il clou della lettera della Curia milanese a seimila docenti di religione, invitati a segnalare in quali scuole siano in atto, o in preparazione, incontri, dibattiti e confronti sul tema dell’omosessualità. Travestiti da agenti della Stasi, insomma, i docenti di religione, tanto vicini a Dio – ma pure al ridicolo – avrebbero dovuto intraprendere la loro azione spionistica. Capire chi attenta alla “differenza sessuale”, forse registrare, trascrivere, e poi fare rapporto. Con le piogge abbondanti di Milano, il cielo grigio, i controsoffitti traballanti e i muri scrostati dall’umidità delle nostre belle scuole, lo scenario è perfetto: Berlino Est, anni Settanta, occhiuti guardiani dell’ortodossia e un muro (mentale) che non cade mai. Titolo: Le mutande degli altri.
pagina99

Gio
13
Nov 14

Questa non è una canzone d’amore a Bookcity (con Marco Malvaldi e Pietro Cheli)

Va bene, lo so, lo so, su Questa non è una canzone d’amore vi ho detto tanto e forse troppo. La creatura ha fatto la sua strada niente male (cinque edizioni e uscirà in Spagna per il tipi di Salmandra Edicciones) e io sono parecchio contento (le recensioni le trovate qui). Comunque sabato 15 novembre, alle 15, alla sala Viscontea del Castello Sforzesco (Bookcity) c’è una presentazione che forse vi interessa. Io con il mio libretto e Marco Malvaldi con il suo (Il telefono senza fili, Sellerio) chiacchieriamo di gialli, noir, storie, detective per caso e altro ancora, più varie ed evenutali, con Pietro Cheli, che è non solo un amico, ma anche un critico bravissimo e un espertone del genere. Insomma, non è obbligatorio e non si guadagnano punti in nessuna graduatoria, però Malvaldi è un tipo simpatico e in gamba, di Cheli ho già detto e… Vabbé, venite, eh! Approfitto per dire che una nuova avventura di Carlo Monterossi è in lavorazione e che… beh, un’altra volta, eh!