Alessandro Robecchi, il sito ufficiale: testi, rubriche, giornali, radio, televisione, progetti editoriali e altro
 
Ven
4
Apr 14

Per pagina99, Piede Libero di oggi. Me ne vado

Il “se non vinco me ne vado” è come il beige, va con tutto e non impegna. Lo dice Beppe Grillo a gran voce nella sua campagna elettorale a pagamento: “Se stavolta non vinciamo me ne vado a casa”. Lo dice Matteo Renzi, nella sua campagna elettorale gratuita: “Riforme subito o vado a casa”. Lo disse anche Silvio Berlusconi nelle sue campagne elettorali che abbiamo pagato tutti: “Se non rispetterò i patti mi ritirerò dalla vita politica”.
Insomma, è tutto un minacciare di andare via, un po’ come nella lirica, dove il soprano canta muoio muoio muoio e non muore mai. Non sarebbe male, ogni tanto, stupire il folto pubblico. Una cosa tipo: “Se non riesco non me ne vado, sto qui, espio e pago i danni”. Certo, è un rischio: Berlusconi, per esempio, dovremmo tenercelo per secoli.

pagina99

3 Commenti a “Per pagina99, Piede Libero di oggi. Me ne vado”

  1. il mio puntacazzismo di oggi è su “folto pubblico”;
    secondo me sono (e saranno) sempre meno quelli che partecipano alla vita politica votando;
    l’aspetto antidemocratico è che tutti i politici dicono di preoccuparsi dell’astensionismo ma nessuno prevede norme con una ratio del tipo “se non vanno a votare almeno tot cristiani si rifà tutto” o “se non sono votato da almento tot cristiani non rappresento una ceppa”, anzi tutti propongono norme moltiplicative di rappresentatività sulla base dei quattro voti presi

    da david   - Venerdì, 4 Aprile 2014 alle 09:55

  2. Sì ma a differenza di tutti stì “cazzari de politici” Grillo è un uomo d’onore e lo farà.
    Io al posto suo e con i suoi soldi v’avrei mandati a quel paese già da tempo, sopratutto voi giornalisti.

    da Giuseppe   - Venerdì, 4 Aprile 2014 alle 13:01

  3. Forse sarà per questo che alle elezioni vincono tutti…

    da Vittorio Grondona   - Sabato, 5 Aprile 2014 alle 10:54

Lascia un commento