Alessandro Robecchi, il sito ufficiale: testi, rubriche, giornali, radio, televisione, progetti editoriali e altro
 
Dom
19
Ago 12

Voi siete qui - La grande corsa elettorale

Un’attenta analisi estiva degli organi di stampa ci consente di azzardare una credibile previsione politica a medio termine.
La legislatura si concluderà nella primavera del 2013. Alle elezioni politiche si presenteranno circa 187 tra partiti, formazioni politiche, liste civiche, sigle di disturbo, cooperative agricole, associazioni di ex fantini, Magdi Cristiano Allam – sempre se esiste davvero – e persino il PdL. Tutti solleciteranno un superamento dell’esperienza del governo tecnico del professor Monti, pur auspicando che non si perda il generoso lascito dell’opera del governo tecnico del professor Monti. In pratica potremo avere:
a) un governo di impronta liberista sostenuto dal centro destra, più l’esercito, la marina, Lele Mora, la proloco di Gubbio e l’appoggio esterno di Al Bano. Esecutivo di coalizione che vanterà come nume tutelare Mario Monti;
b) un governo di impronta liberista sostenuto dal centrosinistra più Casini, i bersaglieri, la panchina dell’Udinese (esclusi stranieri), la Federnuoto, Capitan Fracassa e Baricco, con la non sfiducia costruttiva dei prosciutti Rovagnati. Un’alleanza credibile e coesa che rivendicherà come nume tutelare Mario Monti;
c) un governo di impronta liberista a guida Scientology, con l’associazione cuochi vegani del Veneto, gli eredi di Tina Pica, Oscar Giannino e l’appoggio esterno dell’ala mantovana (corrente riformista alla zucca) della Lega. Formazione inedita ma agguerrita che proporrà di governare sulle orme del suo idolo, Mario Monti.
L’attuale ministro Passera correrà da solo rompendosi un menisco.
Il nuovo governo si impegnerà solennemente a riformare la legge elettorale entro e il gennaio del 2167, data entro e non oltre la quale si cercherà anche di produrre acciaio senza ammazzare di cancro troppa gente. Acqua, luce, gas, benzina, treni, raccolta rifiuti aumenteranno del 36 per cento al giorno. I fondi per i nuovi bombardieri verranno reperiti tagliando sulle anestesie negli ospedali pubblici.

4 Commenti a “Voi siete qui - La grande corsa elettorale”

  1. I fondi per i nuovi bombardieri verranno reperiti tagliando definitivamente la sQuola puBBBlica aVVantaGGGio di quela priVVata che funzia SuLLa InTraNet dello sGrillo petulante.

    da Maurizio   - Domenica, 19 Agosto 2012 alle 13:23

  2. non appena Passera guarisce dal menisco rotto licenzierà ottomila persone, o forse ottantamila, e chiuderà milleseicento sedi o uffici (non so ancora di cosa, ma il numero è approssimato per difetto). Dopodiché, dirà che la ripresa è per il 20134, massimo 20135

    da giuliano   - Domenica, 19 Agosto 2012 alle 15:44

  3. C’è poco da ridere.. Il Monti nazionale ha ormai tracciato il solco. Spero che le prossime elezioni saranno vinte dal partito che assicurerà di sbarazzarsi di tutto quello che Monti e la sua compagine governativa hanno costruito vendendo la pelle degli italiani ai mercati del capitale. Oggi qua, domani là… Il PdC piovuto dal cielo mi dà l’impressione di essersi trasformato in un pellegrino ossequioso in ginocchio perenne davanti agli altari esteri… Quasi quotidianamente incontra la signora Angela Merkel. Cosa avranno da dirsi ogni giorno? Teleconferenze, telefoni dell’ultima generazione potrebbero farci risparmiare, ma si sa, quello che conta in questo momento è la caccia ai finti ciechi, ai bar che non rilasciano scontrini… Per carità sono iniziative giuste, ma sono nulla rispetto alla depenalizzazione per esempio del falso in bilancio… E, poi, ultime chicche, oggi al fai da te la benzina costa 1,994 euro e dal 16 di questo mese si gioca con la salute della povera gente. Prima di quella data il medico prescriveva al paziente fiducioso il medicinale che riteneva più opportuno, ora prescrive obbligatoriamente il principio attivo che il paziente riceverà secondo le scelte del farmacista, mescolato in sostanza non si sa bene con che cosa… In caso di mal funzionamento del medicinale di fantasia, ne risponde il medico o il farmacista? Prima lo stato rimborsava solo il costo del farmaco equivalente, mentre la differenza era pagata dal paziente… Mi viene quindi spontanea una domanda: se lo Stato non ci guadagna assolutamente niente con la sconsiderata decisione, che ritengo incostituzionale in quanto lede la volontà del cittadino in fatto di scelta delle cure mediche che lo riguardano (Art.32: “… La legge, non può in ogni caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”), chi ci guadagna veramente? A favore di chi sono “inventati” certi provvedimenti?…

    da Vittorio Grondona   - Domenica, 19 Agosto 2012 alle 18:54

  4. Ieri Monti ha detto che vede l’”uscita”. Passera l’ha ripetuto oggi: anche io vedo e sento l’”uscita” (e se lo dice Passera senza parlare di “entrata”). Vedono l’uscita mentre milioni di italiani sentono l’”entrata”. Ogni giorno si parla di nuovi esborsi annui per le famiglie. Sono uscite anche quelle. E mentre Casini cerca il grande Centro Monti e soci l’hanno trovato da un bel di: hanno disegnato una spirale sul fondo schiena degli italiani e li ci hanno fatto il centro: per ora vince la Fornero. Ma la gara andrà avanti fino al prossimo anno. Speriamo che i prossimi siano un pò strabbici.

    da Edoardo   - Lunedì, 20 Agosto 2012 alle 17:56

Lascia un commento